Caputa e Desi stendono il Gela

10.10.2016
Doveva essere il banco di prova per antonomasia e soprattutto la gara della verità. Ed è stata una verità dolcissima ed inoppugnabile: L'Igea Virtus e' la regina del girone I di serie D. Cinque vittorie in sei gare, due sole reti subite e soprattutto un gioco convincente e travolgente, grandissima personalità e nessun timore reverenziale di avversari, ambienti ostili e sfortuna. Così si spiega la leadership solitaria dopo 540 minuti di campionato, figlia delle risorse che arrivano dalla panchina. Dove, sia inteso, non albergano seconde linee o quelli che una volta si definivano "riempitivi" o "portatori d'acqua", ma signori giocatori che solo per questioni numeriche non scendono in campo dal primo minuto. Ed è così che a Gela si passa grazie ai sigilli di Caputa e Desi, due che col goal hanno sempre avuto confidenza e che capitalizzano le occasioni per rendersi utili alla causa. Degli avversari preferiamo non parlare: per esigenze di rispetto, per deontologia professionale (meglio guardare in casa propria), ma soprattutto perché e' giusto e doveroso che si parli di Igea, solo Igea, fortissimamente Igea. Che ci fa innamorare, che ci fa sognare come solo lei sa fare.
IL CAPO UFFICIO STAMPA DOMENICO LA CAVA

Commenti

parte la prevendita per gela - igea virtus
Inizia la prevendita per Igea Virtus- Aversa Normanna. Accrediti stampa al botteghino della tribuna