Biondo stende il Giarre nel finale con una dedica speciale

06.03.2016
Una zampata di Giovanni Biondo a pochi minuti dal novantesimo frutta all'Igea Virtus tre punti che valgono tanto oro quanto pesano. Rimane infatti immutato il distacco dalle più immediate inseguitrici e viene così superato lo scoglio forse più duro da qui al termine del campionato nella scalata alla serie D. Al Regionale di Giarre, dinanzi a circa 500 spettatori di cui almeno la metà di fede giallorossa, non si è disputata una gara spettacolare, complice il terreno di gioco in terra battuta soprattutto, gibboso e a tratti fangoso. Ma grinta e furore agonistico non hanno difettato ai giallorossi e, ad onor del vero, neppure ai padroni di casa. Ne è scaturita una gara maschia, con rare occasioni da rete, filata via sui binari della correttezza e con un'Igea non spumeggiante ma sempre cinica e solida. Con il trascorrere dei minuti tra gli addetti ai lavori montava la consapevolezza che solo un episodio avrebbe potuto alterare gli equilibri e l'episodio è giunto puntuale quando lo 0-0 sembrava già scritto: uno svarione difensivo gialloblu spianava la strada  a Biondo, lesto ad infilzare da breve distanza l'incolpevole Perillo. Tripudio sugli spalti, ma al novantesimo anche tanta tristezza alla notizia della scomparsa del tecnico Salvuccio Rao, figura molto nota negli ambienti sportivi cittadini, scomparso improvvisamente ed inaspettatamente nel pomeriggio a seguito di un malore. La ASD Igea Virtus, in tutte le sue componenti, desidera stringersi al dolore dei familiari e dedica il successo odierno, probabilmente decisivo ai fini della promozione in serie D, a Salvuccio. IL CAPO UFFICIO STAMPA DOMENICO LA CAVA

Commenti

Giarre- Igea Virtus a porte aperte. Ingresso unico a 5 euro
Il Viagrande nel mirino